Potresti soffrire di compromissione del nervo vago

Grazie per aver completato il sondaggio. Le tue risposte suggeriscono che potresti riscontrare sintomi associati alla compromissione del nervo vago.

Raccomandiamo vivamente di consultare un operatore sanitario per una diagnosi e un piano di trattamento completi, poiché questa indagine non sostituisce la consulenza medica professionale.

La buona notizia è che c'è speranza.

È stato dimostrato che il dispositivo Nurosym attiva il nervo vago e può fornire sollievo dai sintomi di compromissione del nervo vago come minore affaticamento, miglioramento dell'umore, riduzione dello stress e dell'ansia e sollievo da vertigini e svenimenti (POTS), oltre a ridurre i problemi gastrointestinali.

Continua a leggere per ulteriori informazioni su come puoi aiutare te stesso.

INTRODUZIONE

Il nervo vago

Una componente cruciale del nostro sistema nervoso, svolge un ruolo fondamentale nel mantenimento dell'equilibrio nel nostro corpo. Se compromesso, può scatenare una cascata di sintomi e condizioni che possono avere un impatto significativo sulla nostra qualità di vita. Comprendere il nervo vago, le sue funzioni e il modo in cui il suo deterioramento può influenzarci è fondamentale per affrontare la miriade di sfide per la salute che presenta [1].

FUNZIONALE O STRUTTURALE

Condizioni e sintomi legati alla compromissione del nervo vago

  • Ansia, attacchi di panico, disturbo da stress post-traumatico [2,3]
  • Nebbia cerebrale [4]
  • Affaticamento cronico [5]
  • Disturbi cognitivi [6]
  • Disfagia e Disartria [7]
  • Depressione [8]
  • Epilessia e convulsioni [9]
  • Insonnia [10]
  • Vertigini e mal di testa [11]
  • Sintomi cardiovascolari: frequenza cardiaca anormale [12], svenimento e sincope [1], pressione sanguigna alta [13]
  • Problemi gastrointestinali: problemi digestivi [14,15], GERD [16], gastroparesi [17], vomito e nausea [18]
  • Disturbi metabolici ed endocrini: obesità [19], diabete [20, 21]
  • Condizioni autoimmuni e infiammatorie: malattie autoimmuni [22], infiammazione cronica [20, 23]

DI

Cos'è il nervo vago?

Il nervo vago è un lungo nervo che va dal cervello attraverso il viso e il torace fino all'addome. È coinvolto nella regolazione della frequenza cardiaca, nel controllo del movimento muscolare, nel mantenimento della respirazione e nella trasmissione di una varietà di sostanze chimiche attraverso il corpo. È anche responsabile del mantenimento del funzionamento del tratto digestivo, della contrazione dei muscoli che svuotano lo stomaco e della regolazione della secrezione degli enzimi [24]

Quali sono le cause della compromissione del nervo vago

Alcune prove suggeriscono che la compromissione del nervo vago può derivare da varie cause, tra cui:

  • procedure chirurgiche [25],
  • stress cronico [25], v
  • trauma [25],

  • disturbi neurologici [25],
  • condizioni autoimmuni [26],
  • complicazioni post-infezione [26],

  • diabete [26],
  • esposizione a tossine e alcol [27],
  • metalli pesanti [27].

Diagnosi di compromissione del nervo vago

Una revisione approfondita dei sintomi e dell’anamnesi medica è fondamentale per diagnosticare la compromissione del nervo vago. Questo può essere avviato con un medico o con l'aiuto di un questionario di valutazione del danno del nervo vago come quello che hai appena completato. Per ulteriori informazioni consultare un medico.

Neuromodulazione del nervo vago: uno sguardo al futuro del trattamento

La neuromodulazione del nervo vago è emersa come un trattamento promettente per la compromissione del nervo vago.

Questo metodo prevede l'erogazione accurata di impulsi elettrici calibrati , che stimolano efficacemente il nervo vago e di conseguenza alleviano la sua disfunzione e i sintomi associati.

Originariamente, la stimolazione del nervo vago si basava su procedure chirurgiche ad alto rischio e mirava principalmente a condizioni mediche gravi come l’epilessia refrattaria e la depressione resistente al trattamento.

Tuttavia, i progressi tecnologici hanno portato allo sviluppo di dispositivi di neuromodulazione vagale non invasivi , espandendo così le sue applicazioni a un’ampia gamma di condizioni mediche [28, 29].

In questo contesto Parasym è stata pioniera, lanciando Nurosym, un rivoluzionario dispositivo neurotecnologico.

Nurosym ha modificato in modo significativo il panorama medico fornendo neuromodulazione vagale non chirurgica, offrendo effetti terapeutici equivalenti ai dispositivi invasivi.

Questo dispositivo stimola il ramo del nervo vago sull'orecchio, che si è rivelato più efficace, alleviando numerosi sintomi e migliorando la salute generale [30].

Nurosym, un dispositivo medico certificato CE clinicamente validato ed è raccomandato dai medici di tutto il mondo.

I benefici di Nurosym sono stati convalidati in oltre 30 studi sottoposti a revisione paritaria , inclusi numerosi studi clinici randomizzati e controllati con placebo , ampiamente considerati il ​​gold standard nella ricerca clinica.

Nel corso di oltre 2 milioni di sedute di pazienti , Nurosym ha dimostrato efficacia clinica in una serie di condizioni cliniche associate a compromissione del nervo vago, senza segnalazioni di eventi avversi gravi .

Evidenza clinica di Nurosym

Riduzione dell'affaticamento e aumento dell'energia

Per valutare e quantificare il livello di fatica sperimentato dai partecipanti, il nostro studio ha utilizzato la scala della fatica Pichot. Si è verificato un miglioramento altamente significativo nei punteggi di fatica dopo il trattamento (D0 vs. D10, p<0,0001) (Figura 1). I partecipanti hanno riferito che i miglioramenti nell’affaticamento sono rimasti 1 settimana dopo l’interruzione del trattamento [31].

Figura 1. Evoluzione della fatica stimata mediante la scala della fatica Pichot durante il trattamento (G0: giorno 0, G5: giorno 5, G10: giorno 10) [31].

Ridotta intensità dei sintomi Covid prolungati, tra cui nebbia cerebrale e affaticamento

Dopo l’infezione da COVID-19, le persone spesso sperimentano un’ampia gamma di sintomi, come affaticamento, problemi cognitivi, depressione e dolore. Abbiamo valutato la nostra neuromodulazione proprietaria su coloro che soffrono di sintomi COVID di lunga durata. Il trattamento inizia dopo la misurazione basale al giorno 0 (G0), terminando il giorno 10, con misurazioni di follow-up una settimana dopo (G17). Un miglioramento molto significativo è stato osservato dopo 10 sessioni di trattamento (D0 vs. D10: p<0,0001) (Figura 2) [31].

Figura 2. Evoluzione dei sintomi Covid a lungo termine in base al punteggio del paziente durante il trattamento (G0: giorno 0, G5: giorno 5, G10: giorno 10) [31].

Riduzione della depressione e miglioramento dell'umore

Sono stati condotti studi sui pazienti che utilizzano la neuromodulazione Nurosym, offrendo approfondimenti su potenziali strategie terapeutiche per il trattamento della depressione e il miglioramento dell’umore. È stata eseguita l'evoluzione dei punteggi della scala della depressione di Beck durante il trattamento (Figura 3). Dopo soli 5 giorni di terapia, i sintomi della depressione sono stati alleviati ed è stato osservato un notevole miglioramento dell’umore generale [31].

Figura 3. Evoluzione dei punteggi della scala della depressione di Beck durante il trattamento (giorno 0, giorno 5 e giorno 10). Vengono visualizzati i valori individuali e la mediana. Sono state utilizzate statistiche di Friedman non parametriche per confronti appaiati e seguite dal test di confronti multipli post-hoc di Dunn [31].

Miglioramento della variabilità della frequenza cardiaca (HRV)

L'HRV è un indicatore dell'attività del nervo vago. Il miglioramento di questi parametri dell’HRV indica una stimolazione mirata del nervo vago e l’attivazione di meccanismi specifici che invertono l’affaticamento cronico e migliorano l’umore. Sessioni di un’ora di Nurosym hanno alterato favorevolmente tutti e tre i parametri della variabilità della frequenza cardiaca (HRV), rispetto al placebo (Figura 4) [32].

Figura 4. (a) L'HRV ad alta frequenza è significativamente aumentato (*p=0,001); (b) L'HRV a bassa frequenza è significativamente diminuito (* P = 0,001); (c) il rapporto tra LF e HF è significativamente ridotto (*p=0,002) [32].

Tachicardia ortostatica posturale ridotta

Al termine dei due mesi, la ricerca ha studiato la differenza nella variazione della frequenza cardiaca posturale tra la neuromodulazione attiva di Nurosym e la stimolazione fittizia (placebo) (Figura 5). L'analisi ha mostrato che la tachicardia posturale (senza un calo significativo della pressione sanguigna) era significativamente inferiore nei pazienti che avevano ricevuto la neuromodulazione Nurosym rispetto al controllo (aumento posturale della frequenza cardiaca 18±10 bpm vs. 32±14 bpm, rispettivamente, *p=0,016 ) [33].

Figura 5. Effetto della modulazione attiva di Nurosym rispetto alla stimolazione simulata sul cambiamento posturale della frequenza cardiaca (frequenza cardiaca Δ) [33].

Riduzione dell'infiammazione

L’infiammazione in tutto il corpo e nel cervello contribuisce allo sviluppo, alla progressione, all’invecchiamento e ai problemi di salute mentale delle malattie. La ricerca che utilizza la stimolazione vagale ha rivelato alterazioni degne di nota in due biomarcatori infiammatori, in particolare il fattore di necrosi tumorale (TNF)-α e l'interleuchina (IL)-8. I risultati dimostrano una riduzione statisticamente significativa di queste citochine infiammatorie rispetto al gruppo fittizio alla fine di 3 mesi (Figura 6). [34].

Figura 6. Cambiamenti in due biomarcatori infiammatori: (a) Fattore di necrosi tumorale (TNF)-α; (b) Interleuchina (IL)-8, prima e dopo 3 mesi di stimolazione del trago di basso livello (LLTS) con il dispositivo Nurosym [34].

Miglioramento della circolazione sanguigna

In caso di insufficienza cardiaca, i problemi del sistema nervoso autonomo rappresentano un fattore significativo che causa problemi al funzionamento dei vasi sanguigni. La stimolazione di Nurosym ha dimostrato gli effetti benefici della neuromodulazione acuta sulla funzione macrovascolare e sulla circolazione sanguigna rispetto al placebo (Figura 7) [35].

Figura 7. Effetto della stimolazione del trago di basso livello (LLTS) sulla microcircolazione periferica valutata mediante imaging con contrasto laser speckle (LSCI). Immagini a pseudo colori sul dorso della mano sinistra durante (1) la fase basale, (2) l'occlusione e (3) la fase di iperemia reattiva postocclusiva (PORH). Il blu rappresenta tassi di perfusione più bassi, il rosso rappresenta tassi di perfusione più elevati; (B, C) Cambiamenti nella perfusione sanguigna misurati sull'area del letto ungueale, prima e dopo la neuromodulazione Nurosym (B) e la stimolazione fittizia (placebo) (C). Dopo la neuromodulazione con Nurosym è stata osservata una velocità di perfusione nettamente più elevata [35].

Memoria migliorata

I nostri studi clinici hanno fornito prove convincenti del fatto che il dispositivo Nurosym ha un impatto positivo sulla funzione cognitiva, in particolare sulle attività di apprendimento e di memorizzazione (Figura 8). I risultati hanno mostrato un vantaggio significativo della neuromodulazione rispetto al placebo in (A) tutte le domande del test e (B) nell'esame della memoria. [36].

Figura 8. (A) La neuromodulazione di Nurosym rispetto al placebo è migliorata significativamente (*p < 0,05) in tutte le domande del test; (B) L'effetto è stato determinato da un beneficio significativo (*p < 0,05) della neuromodulazione Nurosym sui problemi di memoria. taVNS: stimolazione transcutanea del nervo vago [36].

Migliore apprendimento

Altre ricerche hanno dimostrato che la terapia con il dispositivo Nurosym migliora le prestazioni in termini di velocità e decodificazione dei compiti di apprendimento rispetto ai controlli, a significare il suo potenziale di miglioramento cognitivo (Figura 9) [37].

Figura 9. La neuromodulazione di Nurosym ha migliorato significativamente (*p < 0,05) la velocità nei compiti di automatizzazione e decodifica rispetto ai controlli. Le barre di errore rappresentano l'errore standard della media. taVNS: stimolazione transcutanea del nervo vago [37].

Scopri di più su Nurosym

Contattaci

Per ulteriori richieste e supporto, contattateci .

Riferimenti

[1] Capilupi, Kerath e Becker. Stimolazione del nervo vago e sistema cardiovascolare . Cold Spring Harb Perspect Med 2020, 10(2):a034173. doi: 10.1101/cshperspect.a034173

[2] Peña, Ingegnere e McIntyre. Rapida remissione dell'espressione della paura condizionata con l'allenamento all'estinzione abbinato alla stimolazione del nervo vago . Biol Psichiatria 2013, 73:1071–1077. doi: 10.1016/j.biopsych.2012.10.021

[3] George, Ward et al . Uno studio pilota sulla stimolazione del nervo vago (VNS) per i disturbi d’ansia resistenti al trattamento . Stimolo cerebrale 2008, 1:112–121. doi: 10.1016/j.brs.2008.02.001

[4] Sfera, Rahman, et al. Il lungo COVID come taopatia: tra "nebbia cerebrale" e "tempeste fusogene" . Int J Mol Sci 2023, 24(16):12648. doi: 10.3390/ijms241612648

[5] Rodriguez, Pou, et al . Ottenere sollievo dai sintomi nei pazienti affetti da encefalomielite mialgica prendendo di mira l’interfaccia neuro-immune e ottimizzando la tolleranza alla malattia. Oxf Open Immunol 2023, 17;4(1):iqad003. doi: 10.1093/oxfimm/iqad003

[6] Murphy, O'Neal et al. Gli effetti della stimolazione transcutanea del nervo vago sulla connettività funzionale all'interno delle reti semantiche e ippocampali nel deterioramento cognitivo lieve . Neuroterapeutica 2023, 20(2):419-430. doi: 10.1007/s13311-022-01318-4

[7] Kenny e Bordoni. Neuroanatomia, nervo cranico 10 (nervo vago) [Aggiornato il 7 novembre 2022]. In: StatPearls [Internet]. Isola del tesoro (FL): StatPearls Publishing 2023. Disponibile da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK537171/

[8] O'Keane, Dinan et al. Cambiamenti nelle misure dell'asse ipotalamo-ipofisi-surrene dopo la terapia di stimolazione del nervo vago nella depressione cronica. Biol Psichiatria 2005, 58: 963–968. 10.1016/j.biopsych.2005.04.049

[9] Krahl. Stimolazione del nervo vago per l'epilessia: una revisione dei meccanismi periferici . Surg Neurol Int 2012, 3(Suppl 1):S47-52. doi: 10.4103/2152-7806.91610

[10] Wu, Canzone et al. La stimolazione transcutanea del nervo vago potrebbe migliorare il tasso effettivo sulla qualità del sonno nel trattamento dell'insonnia primaria: uno studio di controllo randomizzato. Brain Science 2022, 26;12(10):1296. doi: 10.3390/brainsci12101296

[11] Beh. Nistagmo e vertigini negli attacchi acuti di emicrania vestibolare: risposta alla stimolazione non invasiva del nervo vago. Otol Neurotol 2021, 42(2):e233-e236. doi: 10.1097/MAO.0000000000002892

[12] Petelin Gadze, Bujan Kovac, et al. La stimolazione del nervo vagale è utile nella sindrome da tachicardia ortostatica posturale e nell'epilessia. Sequestro 2018, 57:11–13. 10.1016/J.SEIZURE.2018.03.001

[13] Plachta, Gierthmuehlen et al. Controllo della pressione arteriosa con stimolazione selettiva del nervo vago ed effetti collaterali minimi . J Neural Eng 2014, 11(3):036011. doi: 10.1088/1741-2560/11/3/036011

[14] Bonaz, Sinniger e Pellissier. Stimolazione del nervo vago all'interfaccia delle interazioni cervello-intestino. Cold Spring Harb Perspect Med 2019, 9(8):a034199. doi: 10.1101/cshperspect.a034199

[15] Fornaro, Actis, et al. G. Malattia infiammatoria intestinale: ruolo della stimolazione del nervo vago. J Clin Med 2022, 11(19):5690. doi: 10.3390/jcm11195690

[16] Hong, Kamath et al. Valutazione del nervo vago afferente in pazienti con reflusso gastroesofageo. Surg Endosc 2002, 16(7):1042-5. doi: 10.1007/s00464-001-8322-4

[17] Dougherty, Zarroli e Kapur. Miglioramento della gastroparesi sintomatica con maggiore stimolazione del nervo vagale. Neurol Clin Pract 2021, 11(1):e18-e19. doi: 10.1212/CPJ.0000000000000775

[18] Babic e Browning. Il ruolo dei neurocircuiti vagali nella regolazione della nausea e del vomito . Eur J Pharmacol 2014, 5;722:38-47. doi: 10.1016/j.ejphar.2013.08.047

[19] Loper, Leinen et al. Sia le diete ad alto contenuto di grassi che quelle ad alto contenuto di carboidrati compromettono la segnalazione di sazietà del nervo vago. Sci Rep 2021, 11:10394. doi.org/10.1038/s41598-021-89465-0

[20] Pavlov e Tracey. Il nervo vago e il riflesso infiammatorio che collega l'immunità e il metabolismo. Nat Rev Endocrinol, 2012, 8(12):743-54. doi: 10.1038/nrendo.2012.189

[21] Sorski e Gidron. Il nervo vagale, l'infiammazione e il diabete: un triangolo sacro. Celle 2023, 12(12):1632. doi: 10.3390/cells12121632

[22] Zinglersen, Drange et al. Stimolazione del nervo vago come nuovo trattamento per il lupus eritematoso sistemico: protocollo di studio per uno studio clinico randomizzato, a gruppi paralleli, controllato con procedura simulata, avviato dallo sperimentatore, lo studio SLE-VNS. BMJ Open 2022, 20;12(9):e064552. doi: 10.1136/bmjopen-2022-064552

[23] Kobrzycka, Napora et al. Meccanismi compensatori periferici e centrali per la compromissione della funzione del nervo vago durante l'attivazione immunitaria periferica. J Neuroinflammation 2019, 16: 150. doi.org/10.1186/s12974-019-1544-y

[24]Dolphin, Dukelow et al. " Il nervo errante che collega cuore e mente" - Il ruolo complementare della stimolazione transcutanea del nervo vago nella modulazione delle prestazioni neuro-cardiovascolari e cognitive. Front Neurosci 2022, 16:897303. doi: 10.3389/fnins.2022.897303

[25] Breit e Kupferberg, et al. Il nervo vago come modulatore dell'asse cervello-intestino nei disturbi psichiatrici e infiammatori. Psichiatria frontale. 2018, 9:44. doi: 10.3389/fpsyt.2018.00044

[26] Lladòs, et al. Disfunzione del nervo vago nella condizione post-COVID-19. Documento accademico SSRN 2023, doi.org/10.2139/ssrn.4479598

[27] Clarkson. Tossicità dei metalli nel sistema nervoso centrale. Prospettiva della salute ambientale. 1987 75:59-64. doi: 10.1289/ehp.877559.

[28] Howland. Stimolazione del nervo vago. Curr Behav Neurosci Rep 2014, 1(2):64-73. doi: 10.1007/s40473-014-0010-5

[29] Ben-Menachem, Hellström e Verstappen. Analisi dei costi ospedalieri diretti prima e 18 mesi dopo il trattamento con terapia di stimolazione del nervo vago in 43 pazienti. Neurology 2002, 59(6 Suppl 4):S44-7. doi: 10.1212/wnl.59.6_suppl_4.s44

[30] Straube e Eren. tVNS nella gestione del mal di testa e del dolore. Auton Neurosci 2021, 236:102875. doi: 10.1016/j.autneu.2021.102875

[31] Verbanck, et. al. La stimolazione transcutanea del nervo vago auricolare (tVNS) può invertire le manifestazioni della sindrome da COVID lungo: uno studio pilota. Progressi nella ricerca in neurologia e neuroscienze 2012, 2;1-13

[32] Geng, Liu et al. L'effetto della stimolazione del nervo vago auricolare transcutaneo sull'HRV in giovani sani. PLoS Uno. 2022, 17(2):e0263833. doi: 10.1371/journal.pone.0263833

[33] Stavros Stavrakis, Xue Cai, et. al. LB-456640-4 Stimolazione del nervo vagale non invasiva nella sindrome da tachicardia posturale: uno studio clinico randomizzato. Ritmo cardiaco 2023, 20(7):1090, ISSN 1547-5271, doi.org/10.1016/j.hrthm.2023.04.051

[34] Stavrakis, Elkholey et al. Neuromodulazione dell'infiammazione per trattare l'insufficienza cardiaca con frazione di eiezione preservata: uno studio clinico pilota randomizzato . J Am Heart Assoc 2022, 11(3):e023582. doi: 10.1161/JAHA.121.023582

[35] Dasari, Csipo, et al. Effetti della stimolazione del trago a basso livello sulla funzione endoteliale nell'insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta. J Card Fail 2021, 27(5):568-576. doi: 10.1016/j.cardfail.2020.12.017

[36] Thakkar, Richardson et al. L'effetto della stimolazione del nervo vago non invasiva sul richiamo della memoria nella lettura: uno studio pilota. Behav Brain Res 2023, 438:114164. doi: 10.1016/j.bbr.2022.114164

[37] Thakkar, Engelhart et al. La stimolazione del nervo vago auricolare transcutaneo migliora l’apprendimento di nuove relazioni lettera-suono negli adulti . Stimolo cerebrale 2020, 13(6):1813-1820. doi: 10.1016/j.brs.2020.10.012